21 anni spezzati..

21 anni..21 anni sono troppo pochi per avere la vita segnata..a parte che anche 60 son troppo pochi..però 21 anni è ancora peggio…
Questa mattina alle 5 arriva una chiamata al 118. Sono gli amici di una ragazza americana. Una ragazza venuta in Italia per frequentare un Erasmus in Bocconi che alla sera è stata portata, dai compagni di corso, in un locale tra i più famosi nel centro di Milano.
Il locale è il “The Club” a circa 100 m dalla mia edicola, in piena zona Brera. Una zona zeppa di gente, soprattutto di notte, quando aprono i battenti gli autentici tempi del “divertimento” giovanile. The Club, Shokin, Alcatraz, Toqueville 13 e Old Fashion sono solo alcuni.
Sembra che questa ragazza a un certo punto della serata, sia uscita per la strada con un ragazzo egiziano di 25 anni e sia stata trascinata fino a un cofano di una macchina sopra il quale è stata stuprata.
L’ora è la solita che fa da sfondo alle mie riflessioni “filosofiche” che vi ho raccontato più di una volta.
Sono rimasto seriamente shoccato da questa storia.
Ormai lo stupro è diventato, purtroppo, una storia a cui abbiamo dovuto fare il callo. Ogni giorno ne viene consumato almeno uno. Il discorso è che quando succede a poche centinaia di metri da te, è come se un po’ di sporco ti abbia colpito.
E’ un po’ come se anche io mi sentissi in qualche modo responsabile di quanto è accaduto…una ragazza non può finire così…una vita non può essere distrutta nel giro di mezz’ora al buio di una strada lurida della movida milanese.
E soprattutto non posso credere che nessuno abbia visto e sentito nulla. Purtroppo si fa sempre più largo nelle persone il pensiero delle famose 3 scimmiette “non vedo, non sento e non parlo”.
Tralasciando poi discorsi impressionanti del tipo “Ma cosa ci faceva fuori a quell’ora?” piuttosto che “Chissà com’era vestita”…io non ho davvero parole.
Perchè nel 2008 una ragazza non può essere libera di camminare per la strada in minigonna senza che le sia fatta la radiografia?
Perchè nel 2008 una ragazza non può essere libera di stare fuori la notte con i suoi amici fino a tarda ora per poi rientrare a casa sana e salva?
Perchè infine, nel 2008 non esiste ancora una legge seria che punisca in maniera pesante le persone che si macchiano di violenze su donne e bambini?
Non sono giustizialista e non lo sono mai stato, ma forse per questi casi la detenzione non serve a molto. Secondo me qui non è un discorso di errore.
Uno non sbaglia se prende una ragazza e la violenta. E’ un’azione meditata, di forza, puramente maschile e di una gravità immane. Non credete?
Non è ora di adottare misure un po’ più drastiche contro questi bastardi?
Se vogliamo essere civili potremmo proporre la detenzione a vita per la prima volta, con la possibilità di uscire dopo esser stati castrati. Non intendo la castrazione chimica….
Troppo cattivo?
Beh..chiunque la pensi così faccia un’opera buona. Al posto di parlare da dietro il loro monitor, si alzi e vada alla Clinica Mangiagalli (MI).
Quello è l’unico centro Anti-Stupro presente per Milano e Provincia.
Entri e si metta a parlare con qualche ragazza che ha subito violenza. Ammazzare una persona è gravissimo e inammissibile, ma forse non vi rendete conto veramente di quello che queste ragazze o donne che siano, dovranno passare per il resto della loro vita.

Annunci

2 pensieri su “21 anni spezzati..

  1. Concordo con il tuo post. Già una pena alta e sarebbe anche il caso di aggiungere, interamente scontata in carcere aiuterebbe.

    Il danno psicologico che le donne subiscono è incredibile ed hai ragione tu, spesso si tratta di azione meditata e non un errore.

    Hai ragione, le parole non servono, servono leggi severe e pene che vengano fatte rispettare.

    E servirebbero anche più agenti in giro forse.

    Per quel che vale chi davvero ha un’anima non può non essere vicino a quella ragazza.

  2. L’unico motivo per il quale parlo di castrazione, è che la maggior parte delle persone che “cadono” nel tunnel delle violenze sessuali, sono recidivi.
    Ci provano gusto. Vanno in galera per pochi giorni e quando escono sentono il bisogno di rifarlo.
    Sono dati che ci balzano agli occhi dalle storie di tutti i giorni questi.
    Una delle cose che mi infastidisce di più inoltre, è che si dia così tanto risalto agli stupri e alle violenze portati a termine da “extra-comunitari” (che da dati resi pubblici pochi mesi fa sono lo 0,…% dei casi) e non quelli che coinvolgono ragazzi e uomini italiani.
    Mi pare che tutti inconsciamente, stiamo portando avanti una caccia alle streghe contro gli stranieri.
    Siamo nel 2008. Apriamo un po’ il cervello. Non tutti i ragazzi di colore sono delinquenti. Conosco personalmente rumeni che lavorano come baristi o come impiegati in uffici qui in Italia e sono bravissime persone..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...