Odore di stampa…


Prima di mettermi a leggere un bel pezzettone del libro che ho appena iniziato (Racconti di Hemingway), mi sono imbattuto in una riflessione.
Venerdì è finita la scuola (almeno quelle elementari e medie a quanto mi risulta) e la maggior parte dei miei piccoli clienti-amici è rimasta a casa e di conseguenza fuori dalla mia zona di competenza.
Guardando in fondo ai loro occhi contenti per la fine dell’anno di “lavoro e sofferenze”, ho ritrovato anche frammenti del Davide che sgambettava nel mondo 15 anni fa.
Ho rivissuto dentro di me tutte le sensazioni che provavo ogni inizio giugno, quando le maglie diventavano sempre più leggere e le ginocchia sempre più sbucciate tra le cadute dalla bici e una corsa dietro la palla.
E mi è tornato in mente anche un particolare che ogni anno mi dava emozione: l’acquisto del libro delle vacanze….mi esaltavo sempre tantissimo…
Poi io sono sempre stato un depravato dell’odore dei libri nuovi…un feticista dei libri…quell’odore di stampa dolciastro che rimaneva impresso fino a quando non si iniziava ad usarlo un po’ di più….non ho mai capito perchè a me rimaneva intatto per tutto l’anno…mah…
Mi piaceva aprirli, sentire lo scricchiolio che facevano le pagine e iniziare a fare tutti gli esercizi…ero organizzatissimo…li dividevo per i giorni che avevo a disposizione prima di partire per il mare…così quando ero là, facevo la vita del neonato…mangiavo, bevevo, dormivo e giocavo…stop…
Erano bei tempi ma come tutti li ho vissuti avendo fretta di diventare grande…Diventare grande per non andare più a scuola e non sentirmi più sulle spalle l’oppressione di un obbligo allo studio che ancora oggi mi risulta incomprensibile…lo studio non dovrebbe essere un obbligo ma un piacere..no?…diventare grande per poter guidare la macchina che vedevo in mano a mio padre come un’astronave stupenda a un essere mitico di un altro mondo…per diventare attaccante della nazionale di Vicini al fianco di Vialli, Baggio e Mancini e del Milan…il Milan di Sacchi con Van Basten, Gullit e Rijkaard…
E’ buffa la vita…uno da piccolo sogna di diventare grande in pochissimo tempo e poi quando è grande cerca in tutti i modi di rimanere bambino…perchè avere le ginocchia sbucciate a 30 anni, per me aiuta a vivere meglio…

Annunci

2 pensieri su “Odore di stampa…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...