Castelli di sabbia..

Un cielo “bi-gusto” mi accoglie in questo pomeriggio di lavoro.
Due occhiaie profonde solcano il mio viso rendendolo più vicino al muso di un procione che ad un umano. Mi fanno male gli occhi, sono gonfi e rovinati in questi giorni.
Comunque sto bene. Tra 15 giorni circa sarà finito l’anno lavorativo e inizieranno ufficialmente le vacanze.
Una maglia pulita e pantaloncini a seguito..scarpette leggere e occhiali da sole calati sugli occhi, mi metterò in fila come una formica diligente in quelle code interminabili che portano verso il mare.
Arriverò in Toscana con la solita stretta al cuore provocata dall’emozione di tornare li dove sono praticamente cresciuto.
Dove da piccolo ogni anno posavo il mio culetto sulla sabbia per giocare alle formine o a fare i castelli e dove ho visto paesaggi e sentito profumi che non ho mai più sentito da nessun’altra parte.
Forse sarà il piacere di scoprire, che si ha solamente da bambini che fa sembrare le cose incredibilmente belle e uniche.
Sta di fatto che rivedere il mare, quella spiaggia che mi evoca tutti quei ricordi…si insomma…mi farà un certo effetto….sono le prime ferie estive che faccio qui sul mio blog….per 24 giorni ci sarà un black out perchè il computer al mare non lo porterò…ho bisogno di staccare un po’ da tutto quest’anno…posso anche sbilanciarmi di più?ok…
Mai come quest’anno ho bisogno che, una mareggiata altissima e potentissima, scardini tutte le scorie che mi ha lasciato addosso l’ultima settimana, facendomi tornare ad essere sereno e tranquillo. A settembre inizierà un nuovo anno…e sarà un po’ come ricominciare a riempire il secchiello con sabbia umida per costruire un nuovo castello di sabbia…

Annunci

5 pensieri su “Castelli di sabbia..

  1. io questa estate forse non riuscirò a fare le vacanze. e la cosa mi irrita al quanto. ti auguro di trovare la serenità che cerchi. io, per quel che ne posso sapere, mi sto convincendo che la serenità nn esista affatto, che sia una ricerca inutile. non vorrei fosse una di quelle cose che quando ce l’hai la detesti. o forse è solo la solita storia della volpe e dell’uva…

  2. io invece penso che la felicità e la tranquillità e la posizione di base di tutti noi. Ci sono dei momenti in cui siamo tristi o o depressi ma sono momenti…bisogna ragionare pensando che questi momenti ci fanno godere a pieno di tutto il resto.
    Almeno questo è quanto mi aiuta a superare imomenti difficili.
    E’ come al solito, la differenza tra la visione del bicchiere mezzo pieno e mezzo vuoto..

  3. “Così fa il destino: potrebbe filar via invisibile e invece brucia dietro sè, qua e là, alcuni istanti, fra i mille di una vita. Nella notte del ricordo ardono quelli disegnando la via di fuga della sorte. Fuochi solitari, buoni per darsi una ragione, una qualsiasi”.

    Castelli di rabbia – A. Baricco

    Laura

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...