L’importante è…boh…(sono esausto!:))

Acqua su acqua da un cielo che sa di tristezza.
Un’altra lunga giornata alla finestra guardando il “traffico” davanti al mio piccolo mondo antico.
Vorrei poter volare via, viaggiare, sorridere un po’ di più fino a farmi venire le rughette intorno agli occhi e alla bocca…un po’ le ho già, ma penso che non bastino mai! .
Ridere e ridere ancora.
In questo momento vorrei tante cose.
Vorrei un Natale davvero felice con tanto calore, tanti regali, tanta gioia e tanta voglia di stare insieme.
Come alcuni di quelli che ho fatto da bambino.
Essere sveglio dalle 6 (che allora per me erano un miraggio) ma non potersi alzare fino a quando mio fratello non si svegliava.
A casa mia, giustamente, c’è sempre stata l’usanza di aprire i regali tutti insieme e quindi mi ricordo mezz’0re passate a sognare quello che mi aspettava dietro quella porta perennemente chiusa, dove Babbo Natale o Gesù Bambino (dipendeva da come andava di più ai miei sotto Natale) aveva bevuto il suo latte caldo con i biscotti che gli avevamo lasciato la sera prima e aveva scaricato il contenuto fisico della letterina.
Bello..
E poi attendere l’arrivo, intorno alle 11.30 – mezzogiorno, di tutti i miei parenti.
Zii, nipoti, cugini di secondo grado, nonni tutti insieme per festeggiare con il piacere di esserci.
Per me (mi scuso in anticipo per questa confessione!) non è mai stata la festa della nascita di Gesù anche perchè non mi riuscivo a capacitare del fatto che nasceva il 25 dicembre e resuscitava qualche mese dopo…c’era qualcosa che non andava…
Quindi Lui l’ho sempre visto un po’ come si vedeva E.T. oppure i Gremlins o i Muppets..qualcosa che da qualche parte magari ci sarà pure, ma ha qualche scheletro nell’armadio…mah…misteri…
Io Natale lo aspettavo solo per i regali. Già all’epoca probabilmente, senza saperlo, ero un precursore delle teorie degli Stoici dell’antica Grecia (sto leggendo un trattato di filosofia per neofiti quindi da qualche parte dovevo pur usare ciò che ho scoperto poche ore fa..no?) secondo i quali è il mondo la vera divinità e, all’interno di esso, esiste un equilibrio perfetto in cui tutti noi abbiamo il compito di “armonizzarci” con il tutto.
Mah…misteri…so solo che quei Natali a cui guardo con un filo di nostalgia, non torneranno più.
Molti di quegli zii di cui parlo sono morti, le classiche liti tra parenti per il “cigno di marmo di Cuccureddu” hanno diviso i rimasti e…va beh…
pace…l’importante è…boh!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...