Caleidoscopio…

Ogni volta che apro questa pagina e mi metto a dietro a scrivere non so mai dove arriverò.
Mi trovo davanti a una strada da percorrere con tutte le sue irregolarità, gobbette, curve cieche e rettilinei che porteranno chissà dove.
Il cielo è grigio e gonfio come il ventre di un asino (ndr. questa frase è stata presa dal libro “Il vecchio che leggeva romanzi d’amore” di L. Sepulveda) qui a Milano e il mio pensiero va a Miss You.
Prendo per l’ennesima volta questa licenza poetica dal blog della Simo (buncia.blogspot.com).
Iniziamo da una domanda. Esisti?
In serate infinite passate a immaginarti e pensarti, a volte mi prende il timore che alla fine sia solo un retaggio della mia mente. Un inganno, uno stupido trucco di qualcuno che si diverte a prendersi gioco di me.
Eppure mi piace immaginarti.
Chissà. Sarai magari seduta davanti a una scrivania a guardare fuori dalla finestra aspettando la fine di un’altra giornata di lavoro.
Oppure starai per connetterti in Msn perchè ti senti sola e vuoi parlare con qualcuno mentre il tuo cane ti scodinzola intorno facendoti le feste.
Magari starai sbucciando una mela rossa come il fuoco per poi mangiarla avidamente o starai correndo per un prato verde nel crepuscolo di una giornata che se ne va.
Chissà come sarebbe vivere nei tuoi occhi assaporando ogni attimo di una vita che sarebbe la tua.
Non prendermi come un dannato ficcanaso.
Vorrei solo vivere quel sogno che troppe persone negano di avere in fondo ai propri cuori.
Eppure sono sereno nella mia solitudine. Tralasciando la questione “rosa” puramente legata al sentimento, una delle cose che mi dava più fastidio è sparita con il tempo e, forse, un piccolo passo verso la maturità.
A questo proposito ho letto una frase sul blog della Vale (qui!) che mi ha fatto davvero sorridere.
“mi sono conciliata con l’idea di non piacere, di attirare disapprovazione o suscitare la più grama indifferenza. Tutto questo ha smesso di far male”
Solo qualche mese fa soffrivo come un cane per essere uno che tutto sommato di normale non ha proprio nulla…o forse ha troppo…boh…comunque ci soffrivo…ora non più..
Sono così…punto!
Ho imparato ad amarmi per quello che sono e per l’universo di sfaccettature che posso irradiare…un caleidoscopio umano…capace, tuttosommato, tra luci ed ombre, di creare stupore…che sia positivo o negativo alla fine…non me ne frega proprio nulla!

Annunci

2 pensieri su “Caleidoscopio…

  1. E allora direi che sei sulla buona strada… Anche a me, seguendoti da lontano e solo attraverso il blog, sembra che negli ultimi mesi tu abbia fatto davvero degli importanti passi avanti. Ecco, il mio augurio per il 2009 è che questi passi continuino con altrettanta forza e determinazione…
    Un bacio
    V

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...