Se fosse..

MiamiSe fosse una canzone, oggi sarebbe un pezzo di Miles Davis…una tromba languida che scandisce note, al primo ascolto, dissonanti e stonate che prendono forma con l’impegno. (“Musica” non è solo piacere ma anche impegno…)
O una “Girl of Ipanema” cantata da Frank Sinatra e Jobim…note trascinate una dietro l’altra in una melodia sognante.

E’ un bel periodo. Ieri ho compiuto i miei primi 27 anni. Mettiamola così. E’ un po’ come quando un malato, dopo mesi di letto, si affaccia alla finestra in una giornata di sole. E’ un po’ come ascoltare “Hammer to fall” dei Queen dopo un periodo di depressione che attanaglia l’anima e non la lascia più…l’adrenalina inizia a mischiarsi con il sangue e gli occhi corrono veloci su qualsiasi cosa sorprenda il cuore.

Non so come e non so nemmeno quando, per gli strani giochi del destino mi è capitato in mano un libro…Ritratto notturno di Nicola Lecca…naturalmente ne consiglio la lettura a tutti gli esseri che bazzicano il mio piccolo mondo antico. Un libro di rara intensità scritto da un ragazzo giovanissimo che vale la pena conoscere…
Se fosse una canzone potrebbe essere solamente un pezzo dolente di Nick Drake. Uno di quelli più intensi.

[Nick Drake…cazzarola Davide…era così difficile?più pensi a una cosa e più non ti viene in mente…Nick Drake…]

Qualche tempo fa guardando il solito talk, mi è venuta in mente una cosa. Mie riflessioni che rimarranno comunque sempre inespresse…forse perchè (ho l’insolenza di dirlo) sono molto vicine al vero. Mi sono reso conto che ogni persone che viene intervistata, politici, gente di cultura, artisti e dottori sembra che abbiano sempre una preparazione tale da non dire mai “Questo non lo so”.
Mi spiego meglio. Non sono così ingenuo dal pensare che tutte le domande poste durante un’intervista, non siano programmate a tavolino qualche tempo prima. Però cavoli. Quando si parla di argomenti delicati, importanti, filosofici o comunque pesanti nella loro articolazione, come si fa ad avere sempre e comunque la risposta pronta?Ce ne fosse uno che avesse il coraggio di dire “Guarda..non c’ho mai pensato…lasciami tempo e ti do la risposta”..no…i politici poi sono maestri in questo…fino a qualche giorno prima facevano i salumieri magari ma nel momento in cui vengono eletti diventano i maggiori esperti di economia, politica e stato sociale. Per quanto mi riguarda non potranno mai avere credibilità delle persone così. In qualsiasi campo. Se fosserò una canzone potrebbero essere solamente Di du du, Di da da dei Police (scritta da Sting per denunciare l’incomunicabilità di determinati gerghi, dal “politichese” a quello culturale)

Se fosse una canzone la mia giornata sarebbe un pezzo di Miles Davis. Ancora più trascinato e lento. Uno di quelli da assaporare davanti a un bel panorama con un bicchiere di vino in mano. Uno di quelli da gustare, con un nuovo e stupendo calore in fondo al cuore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...