Sopra il limite

…e alla fine mi sono innamorato di te… non so bene come sia successo, ne quando, ne perchè. E’ successo e basta. E’ capitato che stavo li e mi sono detto “Porca vacca. Ma tu stai pensando a lei” e mi sono reso dannatamente conto che alla fine l’unica cosa che volevo con tutto me stesso sarebbe stato correre…letteralmente correre a piedi da te…arrivare trafelato, con la lingua a penzoloni con un aria ridicola…mettermi con le mani sulle ginocchia piegato in due cercando di inspirare quanto più ossigeno possibile. Cercare di mantenere il contatto con la dura realtà (la morte imminente per asfissia) seppur vivendo un sogno. E quel sogno sei tu. Sorriso, occhi e gesti. Niente di più che quello. Basta solo quello a delineare di te un’immagine..un’idea…un sentimento… Perchè tante volte non ci vuole molto…tante volte basta aprirsi il petto…e la risposta esce istantanea…

brano tratto da “Memorie di un edicolante in triciclo”
ancora in fase di scrittura 😉

Annunci

Un pensiero su “Sopra il limite

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...