Wanted L. & M.

Per comodità li chiamerò L. e M.

Sono due abitanti della “mia” zona. Lei, ex stra-figa da appartamento. Di quelle che probabilmente da giovani erano anche avvenenti stando negli stereotipi tipici degli anni 80 (bionda, occhi azzurri…). Ora è sempre lei con una 40ina di kg in più ben distribuiti a formarle una bella armatura scorzosa.

M. è il suo soprannome. Lo chiamiamo così dopo che lei l’ha definito “somigliante al famoso ispettore dei romanzi di Camilleri”. Sguardo truce, amante del duce e dei suoi bei completini neri. Ex dirigente di Regione Lombardia.

E’ proprio intorno a Regione Lombardia che gira la nostra storia. Nelle numerose fermate psico-analitiche nel mio negozio, lei mi ha raccontato la loro storia.

Si sono conosciuti tanti anni fa quando lei lavorava in uno studio notarile. Si amarono presto e fu un amore completo anche se non suggellato dal matrimonio. Convivono ancora ora.

Lui, negli anni che furono, da dirigente, si rifiutò di contro-firmare un giorno, un documento che favoriva in qualche modo appalti e mangiatoie pubbliche che oggi stra-conosciamo. E da quel momento tutto iniziò.

Lui rassegnò le dimissioni esprimendo totale disaccordo dalla linea clientelare dell’istituzione lombarda e per tutta risposta i piani alti del Pirellone gli congelarono il conto corrente contenente (udite udite) qualche milione…di euro.

Come, un dirigente regionale, sia riuscito a racimolare quella somma non è dato saperlo. Rimane il fatto che da allora è iniziato il loro calvario tra telefonate fiume all’avvocato e nottate in attesa dello scongelamento di quei soldi.

Nel frattempo L. viveva a casa con sua mamma. Casa popolare assegnata a questa vecchia signora 80enne che alla sua veneranda età portava avanti ancora il carretto. facendo il lavoro che l’ha mantenuta per tutta la vita: la sarta Si perchè, anche se la situazione è quella che è, L. e M. non cercano lavoro. “Tanto si sbloccherà presto vedrai” si dicevano nelle loro vasche pomerigiani. 100 m avanti e poi 100 m indietro.

Aggiorniamo il quadro. Abbiamo 2 persone abili e con la possibilità di lavorare mantenute da una povera anziana che li ospita in un bilocale di una casa popolare mentre loro bighellonano in giro.

Nei loro giri dopo qualche tempo iniziarono a chiedere soldi ai commercianti e ai conoscenti. Ovviamente nel tempo qualcuno ci cascò ed è ancora in ballo per cercare di farsi rifondere della cifra prestata. Nelle ultime settimane si vedono pochissimo e per pochi minuti. Il tempo di scendere a prendere il pane e poi si blindano in casa.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...